La via del maschile maturo

Rappresenta il ritorno su questa terra, in questo momento, del sacro incontro tra uomini in cerca della loro forza e integrità.

Come uomo sarebbe utile porvi le seguenti domande :

– Cosa significa per me essere un uomo maturo?
– Porto nel mondo un maschile sano ed equilibrato?
– Che rapporto ho con la rabbia che provo?

Queste domande mi hanno aiutato a svolgere-far fiorire-facilitare una versione migliore di me come uomo e a riconoscermi come tale.

 Ogni uomo può accedere alle sue proprie personali domande, domande evolutive che ci aiutano ad andare dentro noi, vediamo quali sono le tue?

Quando il Maschile interiore è acerbo e immaturo

Gran Parte dei problemi che oggi vediamo manifesti nella società sono frutto delle azioni e dei pensieri di un maschile malato, dispotico e in disequilibrio con le sue parti, portatore di un insano conflitto e disgregazione.

Un uomo che si muove nel mondo con un corpo da adulto ma con un principio interiore acerbo e frammentato, con un approccio adolescenziale nei confronti delle sfide e a ogni relazione della vita.


La trasformazione

Nei tempi antichi il passaggio dalla pubertà all’adolescenza e poi in seguito all’età matura veniva celebrato nell’ambito tribale.

Attraverso prove e riti iniziatici il bambino e poi il ragazzo acquisiva coscienza della sua trasformazione naturale , veniva cosi visto e riconosciuto per quello che stava diventando dalla propria famiglia, tribù e sistema di appartenenza, talvolta anche attraverso cambi di nome.

Queste pratiche rituali permettevano agli individui di avere maggiore coscienza di se e quindi maggiore risorse rispetto a trovare il proprio posto nel mondo come uomini maturi.

Ovviamente con l’avvento dello sviluppo della società tecnocratica durante i secoli queste pratiche sono venute meno se non quasi cancellate, uno dei tanti motivi per il quale noi uomini rimaniamo legati a un età cronologica non corrispondente al momento presente.

Bambini e crescita

Troppo spesso inoltre nella cultura occidentale i bambini crescono senza una guida maschile adulta, una non presenza fisica e spirituale.

 I padri sono spesso assenti per vari motivi, nella fase di sviluppo il bambino non ha riferimenti al quale potersi ispirare, cosi una volta che si trova, spinto dagli eventi della vita ad andare nel mondo il ragazzo risulta orfano di basi sicure e solide interiori al quale poter attingere per affrontare le sfide, o nel peggiore dei casi a trovare modelli di ispirazione maschile in luoghi pressoché approssimativi e aberranti.

Imparare i principi sacri

Trovarsi fra uomini , creare uno spazio sacro protetto dove poter rallentare , un cerchio dove poter condividere pratiche e rituali per il risveglio del proprio maschile maturo, far scendere dentro noi l’archetipo del guerriero, trasformare la rabbia malata in energia creativa a disposizione, includere dentro noi il nostro femminile troppo spesso rinnegato.

Guerrieri che possano imparare a sentire dentro se i principi sacri del maschile e femminile , guerrieri determinati e forti senza perdere la tenerezza.

Da questo spazio è possibile tornare nel mondo con maggiore risolutezza forza e coraggio, qualità che possiamo mettere a disposizione in tutti gli ambiti della nostra vita, nel lavoro , nella relazione con i figli, partner e in qualsiasi azione che svolgiamo nel mondo.

Prenota questo Strumento